+

MENÙ

Riorganizzazione delle linee urbane ripristino transito in centro

Dove sei: Homepage > Archivio notizie > Riorganizzazione delle linee urbane ripristino transito in centro

23-05-2013

La riorganizzazione riguarda le linee urbane 1, 7 e 9 con sostituzione della 10.

I nuovi percorsi sono indicati nelle mappe allegate.

Gli estremi prima serviti dalla linea 10 sono coperti da variazioni di percorso: da un lato il collegamento con il polo degli uffici di via Maverna è garantito grazie al nuovo ponte sul Burana e ad una modifica del percorso della linea 7, dall’altro la linea 1 raccoglie i passeggeri della zona di via Cedri.

Pontegradella sarà, invece, servita dal prolungamento di alcune corse della linea 9.

La rilevazione dei passeggeri trasportati, commissionata da AMI ed effettuata in collaborazione dall’Agenzia e da Tper, ha evidenziato per la linea 10 un utilizzo troppo contenuto da parte dell’utenza, con un conseguente rapporto di costo per passeggero non più sostenibile.

Si è anche provveduto ad una razionalizzazione delle frequenze, allungando leggermente quelle delle linee 1 e 9. La riorganizzazione non preclude assolutamente l’accessibilità al servizio per quei quartieri che risultano maggiormente interessati.

L’operazione nel suo complesso comporta una minore offerta al pubblico per circa 100.000 km annui, in massima parte dovuta all’eliminazione della sovrapposizione del percorso della linea 10 lungo Viale Cavour e Corso Giovecca, già servite dalle linee 1, 6 e 9.

Tale riorganizzazione, già da tempo studiata per un più efficiente impiego delle risorse, ma resa possibile solo ora con l’apertura del nuovo ponte, è in linea con le disposizioni nazionali della legge di stabilità 2013 (n. 228/2012, comma 301) che impongono una sorta di riforma basata sul sostanziale principio di garantire il servizio di TPL solo nei territori e per le relazioni che forniscono un elevato rapporto di copertura dei costi con gli introiti da tariffa. La Regione Emilia-Romagna deve adeguarsi alla normativa nazionale e sta invitando le agenzie e i gestori a rivedere i propri programmi di esercizio per attuare tale “rimodulazione”.

Le novità positive non mancano: come annunciato in precedenza dall’Assessore Modonesi non appena i lavori di ripristino e messa in sicurezza della Torre della Vittoria saranno ultimati non solo la linea 11, ma anche le linee 3C e 4C torneranno a transitare per l’asse Corso Martiri-Porta Reno.

La data prevista è la metà di giugno. Questo segnale di ritorno alla completa normalità per i percorsi delle linee urbane dopo un anno dal sisma evidenzia la volontà dell’Amministrazione di tutelare per quanto possibile le esigenze e le preferenze degli utenti del trasporto pubblico. Tper si è impegnata ad utilizzare, sulle linee 3 e 4 (di nuovo transitanti per il centro) e sulla linea 2 bus di ridotte dimensioni e con alimentazione a basso impatto ambientale (ibridi elettrici, metano). Mezzi di ridotte dimensioni non sono utilizzabili sulla linea 11 visti i consistenti volumi di passeggeri trasportati, non solo negli orari di punta, ma va ricordato che già da anni la linea è servita quasi esclusivamente da autobus a metano.

I dati dell’indagine saliti / discesi hanno evidenziato una significativa perdita di utenti della linea 11 in virtù della deviazione resa obbligatoria per motivi di sicurezza, ma si conta in questo modo di ripristinare i positivi andamenti di quella che è sempre stata la linea più importante del servizio urbano di Ferrara.

Legge stabilità 2013 art. 1 c. 301

Modifica e sostituisce l’art. 16bis DL 95/2012 in questo modo:

c. 4 (…) le regioni (…) procedono all’adozione di un piano di riprogrammazione dei servizi di trasporto pubblico locale e di trasporto ferroviario , rimodulano i servizi a domanda debole e sostituiscono (…) le modalità di trasporto da ritenere diseconomiche, in relazione al mancato raggiungimento del rapporto tra ricavi da traffico e costi del servizio (…)

La situazione attuale delle linee 1, 7, 9. 10

La riorganizzazione delle nuove linee in 1, 7, 9

 

vedi articoli correlati

http://www.telestense.it/

La Nuova Ferrara 25 maggio 2013

Carlino Ferrara 25 maggio 2013

Immagini: