+

MENÙ

Emilia Romagna: piano energetico regione, il futuro passa anche dalla mobilità sostenibile

Dove sei: Homepage > Archivio notizie > Emilia Romagna: piano energetico regione, il futuro passa anche dalla mobilità sostenibile

01-04-2016

(FERPRESS) – Bologna, 31 MAR – Il futuro passa anche dalla mobilità sostenibile. Questo anche se la percentuale di consumo da prodotti petroliferi nel settore dei trasporti in Emilia-Romagna è ancora del 94 per cento, a fronte di un 5 per cento di gas naturale e l’1 per cento di energia elettrica.

La mobilità, i consumi ad essa legati e il futuro dei trasporti in Emilia-Romagna sono stati i temi al centro del convegno – che rientra nel percorso partecipato per la costruzione del nuovo Piano energetico regionale – al quale hanno partecipato gli assessore regionali Palma Costi (Attività produttive e Piano energetico) e Raffaele Donini (Trasporti e mobilità). Lo si apprende da una nota stampa della Regione Emilia Romagna.

Secondo i dati, in Emilia-Romagna utilizza l’auto per gli spostamenti quotidiani il 65 per cento dei cittadini, soltanto l’8,3 per cento utilizza il trasporto pubblico locale, il 12,9 per cento si sposta a piedi, il 9 per cento utilizza la bicicletta e il 4,6 per cento la moto. I singoli spostamenti di lunghezza inferiore ai 10 km costituiscono nel 2013 ancora oltre il 70 per cento del totale.

L’Emilia-Romagna si contraddistingue per la buona dotazione infrastrutturale, che la colloca fra le prime tre regioni italiane. Un dato positivo che ha però un risvolto negativo, favorendo un forte ricorso all’utilizzo dell’auto e del piccolo autotrasporto su gomma, come del resto in tutto il paese, con un parco privato di 3,6 milioni di veicoli; nel 2012 erano 2.740.922 le sole autovetture immatricolate in regione (626,1 autovetture ogni 1000 abitanti) con un forte impatto a livello ambientale. Nel 2014 i veicoli elettrici sono in totale 1248 (333 autovetture e 915 autocarri). A fronte di questi dati, il traffico su strada e il riscaldamento civile rappresentano le fonti principali di emissioni primarie di Pm 10 (rispettivamente 34 per cento e 40 per cento), seguiti dai trasporti non stradali e dell’industria.

Gli obiettivi principali sono quelli di un incremento di almeno il 10 per cento del numero dei passeggeri che utilizzano il trasporto pubblico locale (Tpl) rispetto agli attuali 251 milioni; di una riduzione delle emissioni atmosferiche legate alle trasformazioni energetiche per le emissioni dei gas climalteranti e per gli inquinanti (Pm10, NOx e COV); di un potenziamento, pari a circa l’8%, del parco veicolare del Tpl (oggi di poco superiore alle 1000 unità) utilizzabile solo per traffico di servizio pubblico nell’ambito delle aree urbane. I programmi puntano anche ad un’evoluzione e a una diffusione più capillare del sistema di tariffazione integrata regionale Mi Muovo. Sono previsti anche interventi sul materiale rotabile, integrati con interventi per le infrastrutture necessarie all’utilizzo del mezzo a basso impatto ambientale.

“Dai dati che abbiamo – ha commentato Raffaele Donini, assessore alla Mobilità e ai trasporti – la mobilità sostenibile nel suo complesso è ancora minoritaria, per questo dobbiamo promuovere i piani urbani per la mobilità sostenibile, agganciarci ai finanziamenti europei per promuovere anche la mobilità elettrica e soprattutto, se pensiamo che la maggioranza degli spostamenti di cittadini dell’Emilia-Romagna avviene entro i 10 km, dobbiamo incrementare il trasporto pubblico locale, anche ferroviario, che deve diventare sempre più competitivo. Una sfida importante che coglieremo anche nel prossimo Prit 2025 con interventi concreti”.

“Questi numeri impongono – ha aggiunto l’assessore alle attività produttive Palma Costi – di rendere più sostenibile il settore della mobilità, favorendo il più possibile forme alternative di trasporto a basse emissioni. Gli interventi previsti, sostenuti in gran parte dai fondi europei, in particolare il Por Fesr nello specifico asse per la promozione della low carbon economy, prevedono prioritariamente la diffusione di veicoli a basse emissioni con l’obiettivo del miglioramento della qualità dell’aria”.