+

MENÙ

7 giugno 2020 inizia orario estivo

Dove sei: Homepage > Archivio notizie > 7 giugno 2020 inizia orario estivo

05-06-2020

Domenica 7 giugno inizia l’orario estivo dei servizi di trasporto pubblico

Come Agenzia per la Mobilità salutiamo con soddisfazione questo momento di ritorno parziale alla normalità dopo mesi di paure, disagi e purtroppo anche malattie e lutti.

Il servizio di trasporto pubblico nella provincia di Ferrara nel periodo della chiusura totale è stato ridotto di c.a. il 25/30 % sul programmato, ma i passeggeri sono diminuiti del 95%.

Perdurano e sono ben note all’utenza le limitazioni di carico passeggeri al fine di mantenere il distanziamento fisico nonché l’obbligo di indossare la mascherina.

Partono i servizi estivi dunque, ma è forte la preoccupazione che stante gli attuali limiti di capienza delle vetture, nel prossimo servizio autunnale si avranno rilevanti problemi di carico degli studenti, soprattutto per i servizi extraurbani, vista l’impossibilità di proporre agli utenti modalità alternative quali la bicicletta o andare a piedi.

Va detto, senza nascondere la sostanza del problema, che al momento – visti i limiti di cui sopra - il trasporto pubblico non sarebbe in grado di garantire agli studenti un regolare ed efficace trasporto casa – scuola e viceversa. Pochi dati: in una giornata scolastica autunnale, arrivano in città, entro le 8 di mattina, c.a. 100 bus extraurbani e circolano più di 40 bus urbani, insieme trasportano oltre 9.000 passeggeri, soprattutto studenti delle scuole superiori. Con gli attuali limiti di carico nemmeno un raddoppio del parco bus esistente sarebbe sufficiente. In verità risulta che le regioni, prima tra tutte l’Emilia-Romagna stiano tentando di ottenere un aumento delle possibilità di carico, posto l’obbligo di tenere la mascherina.

In questo contesto, di vera emergenza se non dovessero cambiare le prescrizioni, la Regione ha invitato le Agenzie per la mobilità e le aziende di gestione “a rivedere al ribasso l’offerta di servizi estivi al fine di accantonare risorse da reimpiegare” nel servizio invernale. 

Come AMI, assieme a Tper, abbiamo ritenuto di dare corso alle indicazioni regionali e abbiamo previsto alcune limitazioni delle corse nei giorni festivi per il periodo del servizio estivo, ad esclusione nell’urbano delle due linee maggiori: n. 6 e n. 11 e nell’extraurbano della linea 331 direzione Lidi, restando sospese invece tutte le altre corse. Sono quindi garantiti i collegamenti e i servizi per le principali destinazioni urbane (stazione, centro, ospedale) ed extraurbane (i Lidi). Inteso che nei giorni feriali i servizi sono quelli ordinari estivi.

In questo modo si vengono a risparmiare km. e risorse che saranno reinvestiti nel momento in cui ci sarà maggiore necessità e cioè alla ripresa dei servizi scolatici. Restiamo, tanto noi quanto Tper, consapevoli che se non si ripristinerà la possibilità di pieno carico dei bus, questa disponibilità di km., mezzi e autisti certamente non risolverà il problema per intero, ma tuttavia costituisce un passo significativo e una direzione. 

Il disagio arrecato ai potenziali utenti è contenuto se si pensa che in una giornata festiva nel mese di luglio 2019, in assenza degli effetti della pandemia, circolavano – sulle corse non riproposte - in media 1,2 persone a corsa nell’urbano e 2,8 sull’extraurbano.

Siamo consapevoli che ogni riorganizzazione al ribasso del servizio determina problemi e scontenti, tuttavia all’indomani di una grande catastrofe quale quella vissuta da tutto il Paese nei mesi scorsi, e in presenza, al momento attuale, di una oggettiva forte difficoltà a trasportare a scuola gli studenti e i pendolari, i cittadini – utenti potranno tollerare questo disagio.  

 

 

Immagini: