+

MENÙ

8 febbraio 2011: il progetto Europeo GUTS si ritrova a metà percorso a Karlovy Vary - Repubblica Ceca

Dove sei: AMI Ferrara - trasporti > Progetti e attività > Progetti Europei > Guts > 8 febbraio 2011: il progetto Europeo GUTS si ritrova a metà percorso a Karlovy Vary - Repubblica Ceca

Il meeting che si è svolto a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, sul Progetto Europeo GUTS Green Urban Transport Systems segna il giro di boa. Dopo gli appuntamenti tenutisi a Sopron a Vienna e a Varsavia, il progetto affronta il suo vero e proprio primo bilancio di metà percorso.


Sono passati ormai 18 mesi dall'inizio del GUTS, il progetto europeo finanziato dal programma di cooperazione Central Europe, che si propone di sviluppare prototipi per l'innovazione ecologica nell'ambito dei trasporti pubblici occupandosi di carburanti "verdi" sia per gli autobus sia per i locomotori dei treni.

Lo scorso mese di febbraio, dall'8 al 10 , gli otto partner del progetto - tra cui la Provincia di Ferrara e l'Agenzia della Mobilità - si sono riuniti a Karlovy Vary, a nord ovest di Praga, per verificare lo stato di avanzamento del progetto.

L'incontro ha avuto un forte connotato tecnologico visto che i partner, assistiti dai rispettivi tecnici locali, hanno presentato fasi preliminari, attività in corso e programmi futuri dei vari studi pilota alla numerosa schiera dei colleghi e ad un apposito Panel di Esperti istituito per offrire raccomandazioni e supporto alle suddette attività con caratteristiche molto innovative e sperimentali.

AMI Ferrara e Provincia di Ferrara hanno presentato i loro rispettivi studi che stanno procedendo in parallelo, ovvero: la sperimentazione di biocarburanti (biodiesel o biofuel a seconda del tipo selezionato) su un locomotore nell'ipotesi che venga utilizzato nella tratta Stazione di Ferrara - Ospedale di Cona (pressoché innovativa in ambito ferroviario) e la progettazione di un marciapiede mobile (tapis roulant) alimentato da pannelli fotovoltaici che colleghi la fermata adiacente il nuovo Ospedale di Cona con l'ingresso principale (molto sperimentale in ambiente esterno).

Le presentazioni dei collaboratori tecnici: Università di Ferrara per il locomotore a biocarburanti ed ETA Florence per il progetto del marciapiede mobile, hanno riscosso un notevole apprezzamento dai partecipanti, confermato dalla raccomandazione del Panel di Esperti a proseguire negli studi secondo l'impostazione data.

Per quanto riguarda gli argomenti trattati dagli altri partner GUTS impegnati in studi pilota:
Sopron, il leader ungherese del GUTS, ha presentato un progetto molto innovativo ed ambizioso di produzione di idrogeno da energia eolica (ed elettrolisi) per alimentare i propri autobus;
Karlovy Vary (Repubblica Ceca), tramite la propria Compagnia dei Trasporti, intende valutare la migliore opzione per la sostituzione del gasolio, oltre che con gas metano  esperienza pressoché unica nel contesto regionale Ceco anche con biocarburanti ed idrogeno;
Velenje (Slovenia), sta valutando quale sia l'alternativa più conveniente per i propri autobus funzionanti con diesel, tra il metano, i biocarburanti e l'idrogeno (tutti scarsamente distribuiti in territorio sloveno) o in alternativa l'adozione di motori bi-fuel o ibridi;
Humenné (Slovacchia) infine, sta anch'essa valutando quale sia il sostituto ottimale  tecnicamente ed economicamente  al diesel convenzionale tra i biocarburanti e l'idrogeno.
CERE (Austria) ed IBDiM (Polonia), non coinvolti direttamente negli studi, hanno coordinato le discussioni, le attività del Panel di Esperti ed introdotto gli strumenti di monitoraggio, di sintesi (i percorsi seguiti nello sviluppo degli studi daranno forma al curricula per due master) e di diffusione degli studi pilota dei partner.
Una piattaforma degli studi a tema è stata lanciata e verrà sviluppata nella seconda parte del GUTS.

Il raggiungimento di metà percorso del progetto GUTS, ha rappresentato anche l'occasione per fare una valutazione dei passi compiuti, della loro qualità e tempestività, delle correzioni eventuali e dei successivi traguardi in vista della conclusione che avverrà nel febbraio 2013.
A tale scopo il responsabile del Progetto GUTS, il Sindaco di Sopron - supportato dai valenti consulenti di HBHE di Budapest -, ha convocato i responsabili dei partner presenti l'Amministratore unico Giuseppe Ruzziconi per AMI e del dirigente Massimo Mastella per la Provincia di Ferrara al secondo incontro del Political Board (una sorta di consiglio d'amministrazione). Sommariamente, il progetto non presenta allo stato attuale difficoltà e ritardi insormontabili ed i partner sono stati invitati a proseguire nelle loro attività, a rispettare le scadenze di progetto ed, appena usciti i risultati degli studi pilota, a comunicarli opportunamente in ambito locale, nazionale ed anche internazionale.

La compagine ferrarese è rientrata dal meeting GUTS di Karlovy Vary con la consapevolezza di avere rispettato le scadenze e le esigenze del progetto, ma soprattutto conscia di avere per le mani l'opportunità di sviluppare tecniche ecologicamente innovative potenzialmente utili nel contesto locale e attentamente seguite in ambito europeo.
Lo sviluppo e la conclusione degli studi pilota rappresenteranno la scadenza più immediata nel futuro di GUTS quando, nel giugno 2012, avverrà la presentazione collettiva durante il meeting di Velenje in Slovenia.
A seguire, in settembre 2012, spetterà ai partner ferraresi l'organizzazione del 5° meeting di GUTS (probabilmente ciò avrà luogo nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità ).
Infine il progetto rientra negli uffici per la preparazione degli strumenti (i Master Studies e la Piattaforma Tematica Web) e dei documenti finali del progetto che, come detto, chiuderà i lavori con la Conferenza finale, nel febbraio 2013, a Sopron in Ungheria.